Apertamente

di Frank Menichelli da Il CAmpo delle Idee del 28/06/2017 -  Lo schema è quello classico della spartizione delle banche in crisi in due parti: da un lato la bad bank, dove la SGA si occuperà del recupero dei crediti problematici, e dall’altro la good bank che Intesa acquisisce a condizioni estremamente favorevoli. Non solo perché fa cherry picking selezionando a suo gradimento gli attivi delle due banche venete (compresi 26 miliardi di crediti in bonis a basso rischio) ma anche perché ha dettato al Governo tutte le condizioni per la propria discesa in campo. Si sa: business is business, e così Intesa ha ottenuto dallo Stato 4,785 miliardi di euro pronta cassa più altri 12 miliardi di garanzie pubbliche. Ci risiamo. Dopo nemmeno due anni dal triste epilogo delle 4 banche regionali del novembre 2015, contribuenti e risparmiatori italiani sono di nuovo chiamati a pagare per ripianare le perdite di Popolare di Vicenza e Veneto Banca. Il piano messo a punto dal Governo – col placet della Commissione Europea – prevede la cessione a Intesa, al prezzo simbolico di 1 euro, della “parte sana” delle banche venete (vale a dire i crediti in bonis e altre attività e passività di buona qualità), la liquidazione dei due istituti e la cessione della “parte cattiva” (18 miliardi di euro di crediti deteriorati) alla SGA, la Società per Gestione di Attività istituita nel 1996 per il salvataggio del Banco di Napoli.

Lo schema è quello classico della spartizione delle banche in crisi in due parti: da un lato la bad bank, dove la SGA si occuperà del recupero dei crediti problematici, e dall’altro la good bank che Intesa acquisisce a condizioni estremamente favorevoli. Non solo perché fa cherry picking selezionando a suo gradimento gli attivi delle due banche venete (compresi 26 miliardi di crediti in bonis a basso rischio) ma anche perché ha dettato al Governo tutte le condizioni per la propria discesa in campo. Si sa: business is business, e così Intesa ha ottenuto dallo Stato 4,785 miliardi di euro pronta cassa più altri 12 miliardi di garanzie pubbliche.

La soluzione adottata ha permesso di evitare il bail-in salvaguardando depositanti e portatori di bond senior dei due istituti e colpendo solo i titolari di azioni e obbligazioni subordinate (c.d. burden sharing). Ciononostante la perdita per la collettività è molto elevata e i benefici assai scarsi. L’impegno complessivo dello Stato ammonta a 17 miliardi di euro (4,784 cash + 12 di garanzie) cui si aggiungono i 2,5 miliardi delle ricapitalizzazioni delle due banche ora in liquidazione versati solo un anno fa dal Fondo Atlante finanziato dalle principali banche italiane che ora dovranno iscrivere in bilancio una perdita del 100%. A questi si aggiungeranno le perdite sui bond subordinati in mano agli investitori istituzionali (1 miliardo) e al retail (180 milioni) le cui quotazioni sono precipitate intorno a 1 € su 100 di nominale.

Ricapitolando: Intesa ci mette 1 euro e si porta a casa le mele buone mentre lo Stato ci mette dai 5 ai 17 miliardi e si porta a casa i non-performing loans delle due banche venete. Infatti i NPL sono stati ceduti alla SGA che, un anno fa, il Governo Renzi ha acquistato per 600.000 euro proprio da Intesa esercitando il diritto di pegno di cui il Tesoro godeva sin dal 1996 per destinarla all’«acquisto sul mercato di crediti, partecipazioni e altre attività finanziarie». Sulla SGA vale la pena di ricordare qualche dato: dopo una difficile fase iniziale, la società ha saputo recuperare con successo le esposizioni creditizie cedutele dal vecchio Banco di Napoli anche grazie alla bolla immobiliare di inizio anni duemila, il che le ha consentito di mettere da parte un tesoretto di mezzo miliardo.

L’entrata in gioco della SGA suggerisce che c’era una valida alternativa all’ingresso di un player privato: per il suo tramite lo Stato avrebbe dovuto acquisire anche la titolarità dei rapporti in bonis dei due istituti anziché regalarli a Intesa. Ciò avrebbe mitigato i costi dell’operazione per i contribuenti italiani che di fatto si accolleranno larga parte degli oneri dovuti alla mala gestio pluriennale delle due banche in liquidazione, magari sotto forma di rincari dell’IVA o di ritorno dell’imposta sulla prima casa, o di ulteriori tagli a sanità o pensioni. Ed è davvero una magra consolazione ricordare che l’operazione non aumenterà ulteriormente il deficit in quanto già spesata nel decreto “salva-risparmio” di fine 2016. Anche perché il decreto ha stanziato risorse pubbliche per 20 miliardi di euro: se questi fondi vengono assorbiti dal dossier venete, che faremo con l’altro malato terminale, il Monte dei Paschi, e i suoi 27 miliardi di NPL lordi?

Sul piano tecnico un coinvolgimento esclusivo della SGA si sarebbe potuto concretizzare sotto-forma di una cartolarizzazione degli attivi delle banche venete, con la creazione di un veicolo finalizzato a rilevare la totalità dei crediti dei due istituti finanziandosi con l’emissione di titoli c.d. asset-backed (ABS). La cessione al veicolo non solo dei crediti deteriorati ma anche di quelli in bonis avrebbe innalzato la qualità complessiva degli ABS consentendo migliori condizioni di finanziamento e limitando l’esborso pubblico. Ulteriori innesti di ingegneria finanziaria – ad esempio la previsione di una tranche di qualità intermedia (c.d. mezzanina) assistita da garanzie statali – avrebbero facilitato il perfezionamento di una cartolarizzazione di dimensioni elevate a costi contenuti, verosimilmente ben sotto i 12 miliardi di garanzie del piano deciso dal Governo.

Chiaramente una simile alternativa avrebbe rischiato l’opposizione dell’Euro-burocrazia, vera regista dell’operazione “venete” insieme ad Intesa. Infatti, formalmente la SGA è diventata pubblica solo nel 2016, mentre prima lo Stato deteneva il diritto di pegno sulla società. Perciò la Commissione Europea avrebbe potuto ravvisare una violazione della disciplina sugli aiuti di Stato. In altri termini, la via di una nazionalizzazione “intelligente” delle banche venete è stata esclusa ex ante, evitando di andare allo scontro con l’Europa su un tema che, invece, è obiettivamente opinabile. Dopotutto, la SGA è sempre stata pubblica dato che – proprio in virtù del diritto di pegno – lo Stato italiano ha sempre detenuto de facto un’opzione di acquisto sull’intera società (oltre che il diritto agli utili). E questo è un elemento sostanziale che si sarebbe dovuto portare all’attenzione degli Euro-burocrati. Invece, anche questa volta, si è optato per una soluzione che socializza le perdite e trasferisce gli asset profittevoli a un soggetto privato per limitare – solo nella forma – l’intervento pubblico.

Il problema evidente è che una simile interazione con i partner europei è perdente e ci condanna tutti a seguire le direttive della Germania: rinviare il completamento dell’Unione Bancaria e del Fondo europeo di tutela dei depositi e segregare i rischi della periferia applicando regole opinabili. L’assurdo è che l’iniquità di queste regole è sotto gli occhi di tutti dato che sono venute fuori solo dopo che la Germania si era immunizzata arrivando a detenere circa la metà della proprietà delle banche domestiche. Sembra un beffa. Ma è solo l’Europa a due velocità.

News - Italia

Quale orizzonte per la sinistra

Indagine SWG per Apertamente

Scarica l'indagine >>>

Galleria fotografica

Consigliati

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...

Le mie memorie

Le mie memorie
Da Aiello, piccolissimo paese del Friuli orientale, alla Cina passando dalla Russia dopo esser cresciuto in Brasile.
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information