Apertamente

Da www.perlapace.it - Giovedì 23 giugno, la Marcia Perugia-Assisi comincia da Sidi Bouzid, la città tunisina dov’è scoppiata la rivoluzione araba, la città di Mohamed Bouazizi, il giovane ambulante che si è dato fuoco per protestare contro anni di abusi e umiliazioni e che ha finito per cambiare la storia dell’intero mondo arabo. Quel giorno, una carovana di giovani tunisini percorrerà la strada che da Sidi Bouzid porta a Tunisi dove ci sarà il passaggio di testimone alla Tavola della pace.

La cerimonia, che si svolgerà presso il Centro della Musica di Tunisi, segnerà anche il momento d’inizio di un grande Forum Euro-Mediterraneo organizzato dalla Fondazione Anna Lindh dal 23 al 26 giugno con la partecipazione di oltre duecento giovani provenienti da tutti i paesi arabi e dall’Europa.

“La prossima Perugia-Assisi sarà innanzitutto una marcia per la fratellanza dei popoli, ha dichiarato Flavio Lotti coordinatore nazionale della Tavola della pace, alla vigilia della partenza per la Tunisia. Per questo abbiamo pensato di iniziare così, con un gesto simbolico, andando incontro ai giovani tunisini protagonisti della primavera araba e cominciando a camminare insieme.

Il successo delle loro coraggiose rivolte dipenderà anche dalla nostra disponibilità a costruire con loro una nuova fratellanza euromediterranea, basata sull'uguaglianza, sulla solidarietà e sul dialogo a tutti i livelli. Ma se il nostro atteggiamento non cambia, dovremo assumerci la responsabilità di aver sprecato un’opportunità storica e probabilmente irripetibile.”

I giovani di Sidi Bouzid e del resto del Mediterraneo saranno tra i principali protagonisti della Marcia Perugia-Assisi per la pace e la fratellanza dei popoli in programma il prossimo 25 settembre, 50° anniversario della Marcia ideata nel 1961 dal filosofo nonviolento Aldo Capitini.

 

News - Notizie

Galleria fotografica

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information